Sicari & Soldadi, Sollima & Sollima.

Scrivo raramente, qui sopra, dei film in uscita ma per "Sicario. Day of the Soldado" voglio fare un'eccezione. E la faccio per rendere omaggio a un vecchio amico. Caro Stefano (Sollima), sappi che Sergio (Sollima) è sicuramente orgoglioso di te. Il vecchio amico è Sergio Sollima (Stefano è un amico giovane, oltre che un bravissimo... Continue Reading →

Annunci

Venezia 7. Donne, cinema, insulti (e una modesta proposta)

Vorrei raccontarvi come si è svolta la mia giornata di ieri alla Mostra di Venezia, per poi esprimere un pensiero su un argomento che finora ho volutamente evitato: la presenza delle donne alla Mostra (vi pregherei di notare fin d’ora che non scrivo “donne registe”: è voluto). E' un argomento sul quale è facile generalizzare... Continue Reading →

Venezia 2. The Great Buster.

Eravamo già pronti a decretarlo come miglior film della Mostra, ma non è così: “The Great Buster. A Celebration” è comunque una gioia per gli occhi e per il cervello, perché anche poche sequenze dei capolavori di Buster Keaton umiliano qualunque “cosa” girata oggi. In più c’è la firma di Peter Bogdanovich, che dovrebbe essere... Continue Reading →

Venezia 1. Dalla Luna a via Lemonia.

Chiariamo subito: via Lemonia si trova nel quartiere Tuscolano, periferia Sud-Est di Roma, non lontanissima da Cinecittà e quindi dalla sede del Centro Sperimentale. E' qui che nella notte del 15 ottobre 2009 viene arrestato Stefano Cucchi, fermato dai carabinieri assieme al suo amico Emanuele Mancini. Il verbale di arresto racconta che Stefano viene trovato in... Continue Reading →

I miei primi 66 film.

Carlo Vanzina è morto stamane (8 luglio 2018) a Roma. Aveva 67 anni e aveva fatto 66 film (incluse alcune regie tv). No, non aveva cominciato a due anni. Semplicemente Carlo, assieme a suo fratello Enrico (sceneggiatore e complice di una vita), faceva il cinema come respirava. Era veloce, prolifico, iperattivo. Adorava stare sul set... Continue Reading →

Il ritorno dei dinosauri.

I film più importanti della storia del cinema non sono necessariamente i più belli. Sono i film che cambiano le regole del gioco. Che influenzano il cinema che viene dopo di loro, e trasformano la percezione del cinema venuto PRIMA di loro. Sono i film senza i quali la storia del cinema non sarebbe la... Continue Reading →

Cani e abbastanza. O abbastanza cani.

Vorrei che confrontaste subito la foto in evidenza sopra il titolo con quest'altra foto: Un po' si assomigliano, no? Non tanto perché rappresentino periferie "degradate", quanto per il modo in cui queste periferie diventano un'icona, una quinta, un mondo fiabesco nel quale ambientare delle storie. Un senso fordiano dello spazio, siete d'accordo? Guardate qui: Fate... Continue Reading →

Cannes 1. Un iraniano si perde in Spagna.

Sapete qual è il problema con "Todos lo saben" ("Tutti lo sanno") di Asghar Farhadi? Che per spiegarvi a fondo i motivi per i quali non funziona bisognerebbe ricorrere in misura massiccia agli "spoiler". Parola orribile che significa "rivelazioni inopportune sulla trama di un film che rovinano il piacere della visione a chi non l'ha... Continue Reading →

Ermanno Olmi, un saggio che è solo andato altrove.

Ermanno Olmi era notoriamente. attivamente, consapevolmente cristiano. Ma avendo avuto il piacere e l'onore di conoscerlo in età relativamente avanzata, lo considero un maestro Zen. Ha qualcosa di buddhista nella sua pacata accettazione dell'esistente. Come i veri maestri Zen, non insegna: ti mostra qualcosa, e sta a te capire l'insegnamento. Ne parlo al presente perché... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑